Gli ultimi inseriti
Gli stadi più visti
Approfondimenti più letti
23 - 03 - 2017
Traduci
Cerca il tuo stadio
Regione:
Nome:
Squadre:
Sport:
Città:
Provincia:
Manto erboso:
Naturale  Sintetico 
 

Segnalazioni
Ultimi commenti
Visite nel sito
807042
OggiOggi321
TotaliTotali807042

StadiOrrori: dalla 9^ alla 6^

Posizione 6 - Stadio Artemio Franchi - Siena

Siena

Questo impianto è un vecchietto che, nella vita reale, si starebbe per avviare alla conclusione dei suoi giorni. Lo stadio è stato infatti progettato nel 1930 ed inaugurato un anno dopo. A detta di chi lo ha frequentato e della maggior parte dei tifosi calcistici italiani non è degno di un campionato di Serie A e, peraltro, si presenta come un agglomerato di tribune metalliche messe qua e là. Nel 1990 è stata rimossa la pista d'atletica, sintomo di un intervento da "pezze messe qua e là" che poco ha a che vedere con una seria programmazione.
Il commento caustico di un visitatore di questo stadio è stato che, fortunatamente, il fatto che sia immerso nel verde fa si che dall'esterno lo scempio resti sostanzialmente nascosto.

 

 


Posizione 7 - Stadio Armando Picchi - Livorno

Livorno

Lo stadio Armando Picchi di Livorno è forse uno dei più problematici del nostro calcio. Anch'esso è piuttosto vecchio essendo stato costruito nel 1933. Dalla pianta ovale, è dotato di pista d'atletica ad otto corsie ed il suo progettista fu Raffaello Brizzi. Non ce ne voglia il compianto architetto, ma questo impianto è stato uno dei suoi ultimi progetti (l'ideatore del Picchi è scomparso nel 1946). Che questo progetto sia frutto di concezioni e ideologie d'altri tempi è chiaro fin da subito: spalti totalmente in cemento, nessuna copertura e un colpo d'occhio che lascia perplessi sono le caratteristiche principali che consegnano alla casa del Livorno Calcio la settima posizione nella classifica degli orrori.

 

 


Posizione 8 - Stadio Cosimo Puttilli - Barletta

Barletta

Questo impianto non è vecchissimo. Certo, non possiamo dire sia giovane o nuovo, ma non è nemmeno troppo antiquato essendo stato costruito nel 1970. Concepito con pista d'atletica (che è attualmente in uso e quindi non abbandonata come avviene in altri contesti), questo impianto è piccolino con soli 4.000 spettatori di capienza. Nell'agosto 2011 risulta che il CONI abbia presentato un progetto di ristrutturazione dell'impianto e la speranza, si sa, è sempre l'ultima a morire.

 

 

 


Posizione 9 - Stadio Paolo Mazza - Ferrara

Ferrara

Lo stadio di Ferrara è uno dei più vecchi d'Italia. Non sorprende che finisca in questa classifica degli sgorbi sportivi. Eppure potrebbe difendersi in modo egregio: senza piste d'atletica e con gli spalti vicinissimi al campo di gioco. Però l'età si fa sentire e se è vero che all'inaugurazione questo stadio poteva ospitare 25.000 spettatori oggi, i dati, ci dicono che non trovano posto più di 7.500 persone. Poco importa, comunque: di pienoni se ne registrano pochi, complice probabilmente anche un'aspetto tutt'altro che rallegrante.

 

 

 

 


 

Sponsored links

Share

Aggiungi commento

Lo staff di Staditalia.com non esegue alcun controllo preventivo dall'invio dei commenti su questo sito. Gli autori, quindi, con l'invio di un commento se ne assumono la piena responsabilità per contenuti, ideologie ed eventuali conseguenze.
Vi invitiamo, ovviamente, ad essere educati ed a rispettare gli altri.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Cerca nel sito
Pescati... a caso
Seguici su Facebook
 
 
Seguici su Twitter
Follow Us On Twitter - Image
Stanno visitando il sito...

Abbiamo 90 visitatori e nessun utente online

Attualmente consultabili 
1998
impianti sportivi
2.131
immagini

Partnet - Scudetti Italia

Visita anche

Visita Romagnasport.com

Siti consigliati
Informazioni
Testata giornalistica

Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità definita. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 (Legge Urbani).